Notizie

Simone Lucciola e Rocco Lombardi: Campana a fumetti

 

 

Collana: fuori collana
Formato: 17×24
Pagine: 80
Prezzo: 13 euro
ISBN: 9788897980179

IN OCCASIONE DEL CENTENARIO DELL’EDIZIONE RAVAGLI  DEI CANTI ORFICI ESCE LA II EDIZIONE DEL ROMANZO GRAFICO  DI UNO DEI POETI PIÙ GRANDI, E MALEDETTI,  DEL NOVECENTO ITALIANO, DINO CAMPANA.

Grazie ad attente ricerche bibliografiche, studio delle corrispondenze e viaggi nei luoghi in cui Dino Campana visse e operò, Simone Lucciola e Rocco Lombardi costruiscono un’opera di raffinata fattura, riportando all’attenzione degli appassionati del fumetto e della poesia, la controversa figura dell’autore dei Canti Orfici, protagonista di un intesa quanto sofferta esistenza umana e autore delle più intense liriche della letteratura italiana. Proprio l’opera poetica di Campana – nel libro sono riproposti numerosi estratti delle sue più celebri poesie – è al centro dell’originale rappresentazione visiva che i due autori sono riusciti ad ottenere, alternando il tratto plastico e pulito di Simone Lucciola a quello visionario di Rocco Lombardi, che tratta le tavole come fossero incisioni. È splendidamente ricostruita in questo modo, la tensione figurativa e simbolista dell’opera poetica di Dino Campana, con rimandi continui dalle figure evocate nei versi ai luoghi visitati, agli incontri e scontri che il poeta ebbe, sia nella vita sentimentale che in quella culturale, alle opere di artisti che egli vide e da cui trasse ispirazione. “È un fiume che scorre questo brulicare d’immagini e di testi. Disegnato, ma a volte scavato, nel bianco della pagina. La storia a fumetti di Dino Campana.”, così nell’introduzione Paolo Pianigiani, studioso e profondo conoscitore dell’opera di Dino Campana, descrive l’omaggio di Lucciola e Lombardi a chi trovò nella poesia, l’unica, infinita, giustificazione alla vita. Con contribuiti di: Gabriel Cacho Millet e Giampiero Neri.

 

Introibo

di Paolo Pianigiani 

 

 E’ un fiume che scorre questo brulicare d’immagini e di testi. Disegnato, ma a volte scavato, nel bianco della pagina.

 

... 
La storia a fumetti di Dino Campana.
 
Non sarà mai, per Dino, un racconto di sponde. Sarà sempre vertigine: avrà i lampi e gli affondi. E sarà da cercarlo dove certamente sarà, sulla risata del mare, nello spigolo ostile di vicolo, dentro ogni muoversi di foglia. O fra le braccia dei carabinieri, che sempre lo riportano a casa: al domicilio coatto di Marradi, o a spalare polpette a Castelpulci.
 
Nessuno come lui ha cantato la donna, o un paesaggio.
O regalato il colore alla nostra poesia, che prima non l’aveva.
 
Ma cos’è allora questo lavoro d’immagini e testi, dove si racconta a due voci un poeta che ebbe per nome Dino Campana? Visionario è il linguaggio e visioni le immagini. E i testi son quelli del poeta, o appartengono al fluire venuto poi degli amici, o dei nemici, o dei critici. Per chi conosce Dino, al primo scorrere, subito vengono in mente. 
 
O il canto notturno della Chimera,
o il ricordo in prima persona di Primo Conti,
 
quando era un bimbo pittore. La prima e l’ultima pagina sono una dichiarazione d’intenti: la cover e la quarta di copertina, dico. Il poeta libero delle foreste e dell’infinito dei paesaggi, è il poeta chiuso e fòbico della città-metropoli, dove un fiume si muove come serpente a squame, o dove 
 
il Perseo alza nel cielo l’orrore della Medusa.
 
Seguiamolo questo turbinìo instabile, che è quello di antichi cantastorie che fanno ruotare le immagini davanti a un pubblico di fiera. Troveremo un uomo che attraversa il mondo, s’impiglia nei suoi bagliori, nei suoni ostili degli incontri: o negli occhi di una donna. 
 
E ci si perde, 
 
capace solo di lasciarci un libro unico di poesia, 
 
la sua unica giustificazione alla vita.

 

 

Sei qui: Home Notizie Simone Lucciola e Rocco Lombardi: Campana a fumetti