Dino Campana - Dino Campana

  • Livia Brillarelli: interviste per Franco Matacotta

     

     

     

    ANNI QUARANTA: ALCUNE TESTIMONIANZE DI GUERRA

    scritte il 12 aprile 2016 in occasione della manifestazione per il primo Centenario della Nascita del poeta Franco Matacotta, Teatro “Durastante”, Monte San Giusto, 17 aprile 2016. 

    A cura di Livia Brillarelli

     

    Annunziata Morbidoni, detta “Nunziatina”, figlia di Roberto e Clorinda Zamponi, è nata a Monte San Giusto il 14 novembre del 1926 e risiede in via Nicolò Bonafede 58. Ѐ una donna che, nonostante l’età, conserva ancora una memoria lucida e viene intervistata dalla sottoscritta, che ritiene importante la sua testimonianza ai fini di una ricostruzione storica del periodo bellico degli anni 1944-45. arta nel laboratorio di Maria Bonfigli, originaria di Sant’Elpidio a Mare, moglie di Alfredo Castagna. 

    Con Alfredo vivevano anche la sorella Irene e la mamma Elvira. Maria era una sarta bravissima ed erano molte le ragazze che ambivano imparare il lavoro con lei.  Io fui fortunata e divenni una sua collaboratrice. La casa era grandissima ci si poteva passeggiare, occupava quasi un’ala del primo piano di Palazzo Bonafede, quella che attualmente è destinata agli uffici della segreteria comunale. Le stanze, molto ampie, erano comunicanti tra loro e il laboratorio si affacciava nell’angolo nord-ovest del Palazzo. Spesso ci veniva a salutare il poeta Franco Matacotta, che indossava quasi sempre una tuta blu con l’elastico in fondo ai pantaloni e sopra un blusotto con le maniche lunghe. Qualche volta, quando faceva freddo, portava in testa un cappellino, una specie di papalina e aveva quasi sempre in mano una tazzina da caffè, forse la bevanda  era un surrogato del caffè, dati i tempi. Matacotta amava passeggiare per le stanze e per il lungo corridoio, usciva poco da casa, perché non voleva farsi vedere in paese. Inoltre il laboratorio era spesso frequentato da Iris Mariani e dalla sorella di Maria, Anna detta “Annetta”, insegnante di educazione fisica, che si era sposata a Montegranaro.

Sei qui: Home