Paolo Pianigiani: La tra Sorrento e Cuma

Paolo Pianigiani: La tra Sorrento e Cuma...

Siamo nel dicembre del 1916. Il rapporto fra Dino e Sibilla ha una delle sue prime, drammatiche interruzioni. Sibilla sparisce dalla circolazione e si rifugia a Sorrento. Così almeno lascia intendere...

Dino scrive a Emilio Cecchi una delle sue lettere più intense, che bene esprimono il momento che vive.

 

17 dicembre 1916
 
La tra Sorrento e Cuma dove il Vesuvio fuma si fuma divago Caro Cecchi, mi sem­bra come se una montagna un’enorme montagna che enorme spettrale macabra per­ché non esiste si sia drizzata accanto e voglia esistere – voglia esistere voglia esistere questo è atroce che quello che non esiste voglia esistere, quest’incubo, voglia esistere a qualunque costo / minacci di scomparire per esistere è atroce darei il mio sangue per dire che esiste ma non esiste è un incubo.
Sono tre mesi che ci strappiamo di mano i resti dal nostro amore.
Non avevo ragione di vivere prima così ho creduto ciecamente[.]
Non avevo ragione di vivere ma non potevo aver ragione di morire ma come morire adesso? Tutto serve ti si strappa la tua forza il tuo individuo si vuol mettere il tuo dolore nel letto ignominioso dei drudi, l’ultima nobilità inconfessata segreta di  un malato che nes­suno ha il diritto di chiederti poi tutto si allontana come un incubo mostruoso.
lo sono forcaiolo odio il pietismo protestante che invischia che piange e cola che nega perché lui non esiste perché lui non esiste[.] questo non è amore e si allontana grande enorme come una montagna. Una volta saltavo ritornavo alla natura al riso caro Cecchi. Ora non ho più forza. Davanti questi cipressi penso un vecchio motivo litur­gico etrusco che avevo sentito una volta sull’Arno e che non vuol venire.
Addio inutile scrivermi
Tuo amico

Sibilla, trascorsi quasi 30 anni, nel 1940, scrive un articolo per la rivista "Beltempo", dove ricorda Sorrento. "Nostalgia di Sorrento".

L'illustrazione è di Toti Scialoja.

 


 

Sei qui: Home Affondi Paolo Pianigiani: La tra Sorrento e Cuma