L'epoca

Da: Pariani, VITE NON ROMANZATE DI DINO CAMPANA SCRITTORE E DI EVARISTO BONCINELLI SCULTORE.
Firenze, Vallecchi Editore, 1938.


Gli anni 1916 e 1917, essendo nel trentaduesimo e successivo, diedero sei figure.

Prima, La Cieca : una donna che mendicava alla Chiesa di Borgognissanti e vi passava la giornata. Abitava in un vicolo lercio non lungi da piazza Pitti. Giovane si vendeva ; ora un bertone la guidava andando e tornando. Aveva persa la vista per sifilide. Evaristo la vide al posteggio. Proposta una mercede, accolse l’invito e andò un paio di mesi a casa sua, due o tre volte per settimana. Non idiota ; bensì viziosa, depravata, quasi spoglia di requisiti umani.

Con eloquio ciano e becero esponeva impavida il turpe passato, malediva il tòcco o nando che la bastonava. Lo scultore si formò il concetto di una natura quasi ferina. Fece in gesso il busto poco sotto le spalle. Aggiunse lo zoccolo basso, rettangolare, a linee semplici, quattrocentesco ; verso sinistra lo ruppe in modo che si unisse col petto e lo prolungasse ; lo squarcio rispondeva al cuore ed Evaristo volle appunto rappresentare « priva di cuore » quella meschina. Ne desiderava anche una mezza figura ; ma seminava cimici, la licenziarono. Vi mise molta cura. Voleva sempre perfezionarla affermando mancarvi particolari che vedeva : i veri artisti non si appagano mai. Respinta nel 1917 dalla Commissione giudicatrice per la Mostra del Palazzo Davanzati, disse : « Già ; me l’hanno rifiutata. Eppure sbaglierò, ma quello mi pare il mio miglior lavoro ».

Non ci sono articoli in questa categoria. Se si visualizzano le sottocategorie, dovrebbero contenere degli articoli.

Sottocategorie

Sei qui: Home L'epoca